Informazione giuridica:
blog dell'avv. prof. Marco Ticozzi
Professore Aggregato di Diritto Privato presso Università Ca' Foscari Venezia | Avvocato Cassazionista iscritto all'Ordine degli Avvocati di Venezia con studio a Mestre Venezia, Treviso, Vicenza.
19 Giugno 2019

Fido di Fatto e Eccezione di Prescrizione nel conto corrente


Come noto, si discute in giurisprudenza se, nella valutazione circa la natura solutoria o ripristinatoria per l’eccezione di prescrizione nei rapporti di conto corrente, si possa tenere conto del cosiddetto fido di fatto.
Ovviamente, sono rimesse solutorie le sole rimesse che intervengono –in tutto o in parte- su conto scoperto e non affidato oppure su conto affidato ma con un passivo oltre il limite dell’affidamento: da tale profilo, chiaramente, la natura solutoria della rimessa si potrebbe escludere ove il conto sia passivo ma si consideri un fido non documentato ma della cui esistenza vi siano degli elementi.
Interviene nella questione Corte d'Appello di Venezia 19 giugno 2019 n. 2555, relatore dott. Valle (ma sul tema occorre ricordare anche la recente Cass. 30 ottobre 2018, n. 27705), escludendo che, nella valutazione della natura solutoria delle rimesse al fine di esaminare l’eccezione di prescrizione della banca, si possa considerare un fido di fatto.




Eccezione di prescrizione e fido di fatto: Cass. 30 ottobre 2018, n. 27705

 

Recentemente la Cassazione (Cass. 30 ottobre 2018, n. 27705) ha chiarito come sia onere del cliente -che voglia negare la natura solutoria delle rimesse su conto scoperto invocate per far valere l’eccezione di prescrizione nei rapporti di conto corrente- provare l’esistenza di un’apertura di credito, non essendo sufficiente l’esistenza di elementi che facciano pensare a un fido di fatto. Si precisa nella sentenza che, nel caso oggetto di causa, il cliente non aveva assolto all'onere della prova di dimostrare l’esistenza di un affidamento, ma si era limitato a dedurre che dagli estratti risultava indirettamente un tale affidamento.
Cass. 30 ottobre 2018, n. 27705 precisa che “eccepita dalla banca la prescrizione del diritto alla ripetizione dell'indebito per decorso del termine decennale dalle annotazioni passive in conto […]se, a questo punto, il tempo decorso dalle annotazioni passive integri il periodo necessario per il decorso della prescrizione, diviene onere del cliente provare il fatto modificativo, consistente nell'esistenza di un contratto di apertura di credito, che qualifichi quei versamenti come mero ripristino della disponibilità accordata e, dunque, possa spostare l'inizio del decorso della prescrizione alla chiusura del conto. Apertura di credito che non è di per sè, come è noto, un contratto necessariamente riconnesso a quello di conto corrente”.
La sentenza, però, non chiarisce se l'onere della prova dell’affidamento che grava sul cliente consista nella prova del contratto o sia sufficiente la prova del fatto storico che vi fosse un fido (appunto fido di fatto).

 

Eccezione di prescrizione e fido di fatto: Corte d'Appello di Venezia 19 giugno 2019 n. 2555, relatore dott. Valle

 

La sentenza che qui si segnala della Corte d'Appello di Venezia, prende posizione sulla questione e conferma tale orientamento per il quale l'onere della prova è del cliente. Tale soggetto, al fine di contestare la natura solutoria delle rimesse intervenute su conto passivo, rilevante per l’eccezione di prescrizione nei rapporti di conto corrente, ha dunque l'onere di dimostrare l’esistenza di un affidamento.
Corte d'Appello di Venezia 19 giugno 2019 n. 2555, relatore dott. Valle sembra però aggiungere altro: “con il quarto motivo la curatela fallimentare lamenta l’errore in cui è a suo dire incorso il primo giudice nel dichiarare prescritto il diritto di ripetere i pagamenti indebiti eseguiti sul [conto corrente] anteriormente al 25.3.2000. Sostiene che sui conti correnti operavano svariate linee di credito, ciò desumendosi dalle risultanze degli estratti conto; contesta che per provare l’esistenza dell’apertura di credito sia necessario apposito contratto scritto; deduce la concessione da parte della Banca di c.d. fido di fatto. Il motivo è infondato.
L’appellante non contesta il rilievo, su cui il tribunale ha fondato la propria decisione, che i contratti di conto corrente non contengono una compiuta disciplina delle pretese aperture di credito e delle condizioni economiche che le avrebbero regolate, siccome invece prescritto – per la validità del contratto, e non solamente a fini probatori – dall’art. 117, comma 1, TUB. Il requisito formale impedisce di accordare rilevanza ad affidamenti di fatto”.
Dunque, tale decisione della Corte d’Appello considera irrilevante la deduzione di elementi di prova astrattamente idonei a dimostrare l’esistenza di un fido di prova: per la sentenza qui in commento, l'onere della prova che grava sul cliente è quella di provare l’esistenza dell’affidamento, che peraltro deve avere necessariamente forma scritta.
di Marco Ticozzi
avvocato a Mestre Venezia Treviso e Vicenza

Documenti allegati
Corte_Appello_Venezia_19_giugno_2019_n_2555,_dott_Valle.pdf   |   746.5 KB - .pdf
Photogallery
Newsletter
Iscriviti alla Newsletter
per ricevere gli ultimi aggiornamenti
ricevi mensilmente gli aggiornamenti sui temi più importanti trattati da questo blog
Venezia Mestre
Via Torino, 180
Imm. Direzionale “La Torre” – 3° piano
Tel. +39 041 980911 r.a.
Fax +39 041 959351
Treviso
Viale Monte Grappa, 28
Tel. +39 0422 433922
Fax +39 0422 296303
Roma
Via del Tritone, 102
Tel. +39 06 92949236
Fax +39 041 959351
Vicenza
Bassano del Grappa
Largo Parolini, 131
Tel. +390424066336